automotive, motori

Cura dell’auto: consigli e linee guida

La nostra automobile ha bisogno di costanti cure se vogliamo che si mantenga nel corso del tempo. Una delle principali procedure da non dimenticare è la manutenzione auto, che consente di rimettere periodicamente la vettura a nuovo. Rispettare gli intervalli tra una manutenzione e l’altra serve per garantire la sicurezza alla guida e evitare imprevisti mentre siamo in viaggio.

Per una cura perfetta in ogni dettaglio è fondamentale controllare spesso gli pneumatici, e lavare il veicolo per evitare che le impurità possano in qualche modo danneggiare la vernice e la carrozzeria.

 

Come fare una buona manutenzione

 

La manutenzione può essere svolta in totale autonomia, o ci si può affidare a dei tecnici professionisti, come quelli delle officine indipendenti o dei centri ufficiali. Non esistono specifici obblighi: l’importante è seguire in maniera scrupolosa quanto previsto all’interno del manuale di istruzioni.

Durante la manutenzione periodica l’auto va controllata a fondo, soprattutto per quanto riguarda il motore. Potrebbero essere sorti piccoli problemi o guasti da risolvere il prima possibile. In più vanno sostituiti tutti quei pezzi che si sono ormai consumati. In questo caso suggeriamo di usare principalmente ricambi originali, prodotti con ottimi materiali e garantiti dalla stessa casa madre dell’automobile.

Fare la manutenzione da soli può permetterci di risparmiare sulla manodopera, e per molti è diventata un vero e proprio hobby. Bisogna comunque fare attenzione a qualsiasi anomalia, e non esitare a consultare i centri ufficiali o il proprio meccanico di fiducia in caso di dubbi.

 

Come controllare gli pneumatici

 

Avere degli pneumatici in perfetto stato è fondamentale per guidare con la massima sicurezza. Sono due le caratteristiche principali da considerare: la pressione delle gomme e il livello di usura.

La pressione delle gomme può essere controllata attraverso un apposito manometro che possiamo trovare in qualsiasi stazione di servizio. Se non sappiamo usarlo possiamo chiedere l’aiuto del benzinaio. Il controllo della pressione va effettuato ciclicamente (consigliamo almeno ogni due o tre settimane). Se una gomma perde pressione troppo velocemente potrebbe essersi bucata. In questa situazione è buona norma far analizzare la gomma da un meccanico o da un gommista.

L’usura non va sottovalutata: man mano che lo pneumatico si consuma si riduce la presa sul terreno, e la minore profondità delle scanalature favorisce gli slittamenti. Per analizzare l’usura della gomma possiamo inserire degli oggetti, come ad esempio un piccolo righetto, negli intagli dello pneumatico, così da verificare l’effettiva profondità.

A seconda della stagione bisogna montare pneumatici invernali o estivi. Ogni anno viene reso pubblico un preciso calendario che indica le date in cui procedere alla sostituzione.

 

Come lavare l’auto

 

L’auto va lavata periodicamente, soprattutto nei periodi di pioggia, dove il fango e lo sporco possono accumularsi e attaccare la carrozzeria. L’automobile andrebbe lavata almeno una volta al mese.

Il pianale è una delle aree più nascoste del veicolo, e difficilmente si finisce per lavarlo. Suggeriamo di farlo soprattutto in inverno, quando ci si muove all’interno di aree montane. In queste località sulla strada viene sparso il sale, per evitare che si formi del ghiaccio sull’asfalto. Questo sale può finire sotto il pianale, ed è importante toglierlo con un lavaggio approfondito.

Una situazione simile è quella delle località balneari, dove il sale e la sabbia possono arrivare sulla strada e accumularsi sotto la nostra automobile.